Il mangostano | Centrofarmacia.it

👉 Registrati ed ottieni subito uno extra sconto del 5% 🎁🎁🎁

A casa in 24/48h
Comodo e veloce.
Assistenza
Chat, telefono ed email.
Seguici su

Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email per ricevere in anteprima sconti e promozioni!
Inserisci la tua email per ricevere offerte e promozioni
Cliccando su "Iscriviti" Dichiari di aver letto l'informativa sulla privacy ai sensi del DL n. 196 del 30 giugno 2003.

Il Mangostano

Cos'Ŕ?
Una nuova scoperta rivela che questo frutto tropicale combatte le infiammazioni.

La frutta fa bene: previene cancro, malattie cardiovascolari ed, in alcuni casi, rivela proprietà anti-infiammatorie.

Tutta la frutta come melanzane, mirtilli, radicchio, prugne e fichi devono il loro colore blu-viola alle antocianine, antiossidanti che servono a ridurre il rischio di cancro, infarto e malattie cardiovascolari.
Ricchi di polifenoli, migliorano la memoria e combattono i segni del tempo.

La frutta di colore rosso-arancione contiene tanta vitamina C che aiuta l'organismo a rimanere sano.

Il Succo di Cranberry (mirtillo rosso americano), bevuto tutti i giorni, protegge dalle infezioni e dalle infiammazioni del tratto genito-urinario.

Ma la vera novità arriva dai tropici e si chiama mangostano.





Uno studio, pubblicato sul Nutrition Journal, rivela che il succo di questo frutto esotico sembra essere in grado di ridurre i livelli della proteina C-reattiva (PCR), i cui valori aumentano in presenza di una infezione o di uno stato infiammatorio.

Il coordinatore della ricerca riporta che "bere circa mezzo litro di succo di mangostano al giorno ha fatto registrare una riduzione di 1.33 mg della proteina C-reattiva rispetto al gruppo placebo".

Una diminuzione significativa se si pensa che le infiammazioni, causate dall'aumento della PCR, sono indicatori plausibili di malattie cardiovascolari e di sindrome metabolica, entrambe molto frequenti nei casi di obesità.

Riducendo il rischio di infiammazioni attraverso l'assunzione di mangostano, i ricercatori ritengono sia possibile ridurre il rischio di effetti collaterali nelle persone obese.

Saranno tuttavia necessari ulteriori studi, conclude il Dott. Udani, per confermare e definire ulteriormente i benefici di questo frutto.