La pressione alta

👉 Registrati ed ottieni subito uno extra sconto del 5% 🎁🎁🎁

A casa in 24/48h
Comodo e veloce.
Assistenza
Chat, telefono ed email.
Seguici su

Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email per ricevere in anteprima sconti e promozioni!
Inserisci la tua email per ricevere offerte e promozioni
Cliccando su "Iscriviti" Dichiari di aver letto l'informativa sulla privacy ai sensi del DL n. 196 del 30 giugno 2003.

La pressione alta

Un problema molto diffuso
Oggi anche fra i pi¨ giovani

La pressione alta è una patologia molto diffusa, anche fra persone più giovani.

Il rimedio di solito è mangiare con poco sale, non fare una vita troppo stressante e se ciò non dovesse bastare, assumere un farmaco idoneo consigliato dallo specialista.

Recentemente uno studio effettuato dall’Allegheny College, negli Usa, ha evidenziato che basta schiacciare un pisolino di 45 minuti per far tornare la pressione sanguigna dentro i valori normali dopo un evento stressante.

Lo studio è stato effettuato su due gruppi di persone, uno con il permesso di dormire fino a 60 minuti ogni giorno, l’altro con il divieto assoluto di siesta pomeridiana.


I risultati, pubblicati sul Journal of Behavioural Medicine,hanno rivelato che il gruppo che ha potuto dormire tra i 45 e i 60 minuti mostrava di avere valori della pressione sanguigna più bassi dopo un’attività stressante.

Inoltre, i soggetti che avevano potuto riposare dichiaravano anche disentirsi anche più attivi rispetto ai componenti del secondo gruppo.

Gli esperti di medicina del sonno dicono che negli ultimi 50 anni fa le persone dormono meno, in media hanno perso due ore di sonno per notte.

Colpa dei ritmi di vita e di lavoro più intensi e delle abitudini rivoluzionate dalle nuove tecnologie.

I ricercatori, guidati da Ryan Brindle e Sarah Conklin, sostengono che saranno necessari ulteriori studi “per esplorare il meccanismo con cui il sonno diurno è collegato con la salute cardiovascolare” e per valutare la siesta quotidiana come una pratica salutare “specialmente per gli individui con rischio di malattia cardiovascolare e quelli con una qualità del sonno non ottimale".