Gambe pesanti

👉 Registrati ed ottieni subito uno extra sconto del 5% 🎁🎁🎁

A casa in 24/48h
Comodo e veloce.
Assistenza
Chat, telefono ed email.
Seguici su

Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email per ricevere in anteprima sconti e promozioni!
Inserisci la tua email per ricevere offerte e promozioni
Cliccando su "Iscriviti" Dichiari di aver letto l'informativa sulla privacy ai sensi del DL n. 196 del 30 giugno 2003.

Gambe pesanti

Un disagio importante
Con l'aumentare della temperatura si amplificano tutti i sintomi e quindi il disagio della cattiva circolazione sanguigna, soprattutto agli arti inferiori. Esistono per alcuni prodotti ed alcune precauzioni veramente efficaci.

Uno dei fattori che influisce pesantemente sui meccanismi circolatori è la sedentarietà.
Se le gambe non esercitano una certa quantità di movimento nella giornata, i potenti muscoli degli arti inferiori non esercitano la loro preziosa azione massaggiante sul sistema circolatorio.

Vene e capillari, non subendo l’effetto di contrazione e decontrazione del muscolo, sono soggetti a ristagni e rallentamenti, cause dirette di una scorretta circolazione periferica.

Altri fattori negativi sono: il sovrappeso, che è dannoso per l'organismo in generale e lo è ancor più per la circolazione degli arti inferiori in quanto aumenta il carico di lavoro delle vene; l’uso di contraccettivi ormonali che aumenta il rischio di insufficienza venosa.

Un appoggio scorretto del piede a terra, impedisce il ritorno del sangue al cuore e, causando il suo ristagno in periferia, "gonfia" le vene e porta alla loro dilatazione permanente (varice).
Una debolezza congenita della parete venosa può aumentare la familiarità con questo problema.

La temperatura esterna elevata (calura estiva) è un fattore predisponente poiché provoca dilatazione delle vene e, di conseguenza, rallenta la circolazione e aumenta il ristagno ed il gonfiore.



La causa principale della sensazione di pesantezza è la ritenzione idrica, l’edema, cioè l’accumulo di linfa nei tessuti che si trovano sopra la fascia muscolare che causano gonfione e ristagno.
Fenomeno aggravato dall'uso di indumenti stretti ed elasticizzati.
Ogni compressione dei canali del sangue, soprattutto a livello all'inguine (elastici, jeans strettissimi), compromette la circolazione di ritorno.
Di conseguenza il liquido non può che non rifluire e tende a ristagnare negli arti inferiori determinandone un aumento del volume.

Fra questi fattori esiste anche la gravidanza, che però è un periodo di 9 mesi e non è un fenomeno definitivo.
Già all’inizio della gravidanza il volume del sangue aumenta, complessivamente, del 20%, perciò quando si sta in piedi, aumenta anche la stasi venosa nelle gambe.
Le donne che presentano un ritorno venoso insufficiente per uno o più motivi esposti in precedenza subiscono un danno venoso già dai primi mesi di gravidanza.

Per tutto questo esiste un rimedio: applicare regolarmente creme che contrastano il fenomeno della pesantezza, abbinare dietro consiglio medico, un integratore adatto e seguire alcune semplici abitudini.

Non indossare abbigliamento elasticizzato, indumenti troppo stretti, preferire materiali naturali, come il cotone, a fibre sintetiche, una volta al giorno effettuare un esercizio per le gambe ( es.: stendendosi a terra alzare le gambe verso l'alto e pedalare come se in alto ci fosse una bicicletta, almeno 2 serie da 15 pedalate); percorrere la strada a piedi, ove possibile, invece che in auto o motorino, perfetta anche la bicicletta.

Infine scegliere una dieta sana e variata, ricca di frutta e verdure e bere tanta acqua, in modo da drenare e depurare l'organismo.