L ipermetropia

👉 Registrati ed ottieni subito uno extra sconto del 5% 🎁🎁🎁

A casa in 24/48h
Comodo e veloce.
Assistenza
Chat, telefono ed email.
Seguici su

Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email per ricevere in anteprima sconti e promozioni!
Inserisci la tua email per ricevere offerte e promozioni
Cliccando su "Iscriviti" Dichiari di aver letto l'informativa sulla privacy ai sensi del DL n. 196 del 30 giugno 2003.

L'ipermetropia

Difetti della vista
L'ipermetrope, se il difetto importante, vede male quando guarda da lontano e da vicino.

E' il difetto visivo opposto alla miopia. L'immagine di un oggetto viene infatti messo a fuoco in un punto situato oltre la retina in quanto il globo oculare è troppo corto, cioè la distanza tra la pupilla e la retina è troppo breve. Le immagini degli oggetti vicini risultano confuse e quindi è difficoltosa la lettura.

Ipermetropia

L'ipermetropia di solito è presente fin dalla nascita e tende ad avere carattere di familiarità. Se il disturbo è lieve tende ad essere compensato con l'accomodazione del cristallino, ma causa affaticamento e quindi può provocare spesso cefalea, dolore e rossore agli occhi.

Le cause dell'ipermetropia sono:

  • Bulbo oculare troppo corto
  • Curvatura della cornea non adeguata

Correzione

Nei soggetti giovani le ipermetropie lievi possono non mostrare alcun sintomo e non richiedere, quindi, alcun tipo di correzione. Frequenti mal di testa (cefalea) e affaticamento visivo – soprattutto durante la lettura – possono essere indizi di un’ipermetropia non completamente corretta.

Soggetti ipermetropi elevati hanno difficoltà sia nella visione da lontano che da vicino e necessitano di ausili ottici (occhiali o lenti a contatto)

L'ipermetropia elevata, se presente in un periodo critico dello sviluppo psicofisico del bambino può comportare un rischio di ambliopia (occhio pigro) e una tendenza allo strabismo. Il bambino, non vedendo bene, non impara a “fissare” correttamente gli oggetti. Se uno dei due occhi vede meglio dell’altro, le immagini che arrivano al cervello dall’occhio peggiore possono venire “soppresse” (il cervello non ne tiene conto): questo può perdere la capacità di fissare un oggetto e, dunque, deviare (strabismo). Per evitare questi problemi è assolutamente necessario l'utilizzo di lenti.

Per ottenere una visione nitida da lontano questo difetto di rifrazione può essere corretto tramite lenti convesse e può essere effettuata tramite:

  • Lenti oftalmiche (cioè occhiali con lenti concave)
  • Lenti a contatto (LAC)
  • Chirurgia refrattiva tramite laser