Spedizioni gratuite con un acquisto di almeno € 60

A casa in 24/48h
Comodo e veloce.
Assistenza
Chat, telefono ed email.
Seguici su

Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email per ricevere in anteprima sconti e promozioni!
Inserisci la tua email per ricevere offerte e promozioni
Cliccando su "Iscriviti" Dichiari di aver letto l'informativa sulla privacy ai sensi del DL n. 196 del 30 giugno 2003.

Parliamo di...

Gambe Stanche

Le cause, come prevenire, i rimedi del Farmacista
Le gambe stanche, gonfie e pesanti rappresentano un problema diffuso e comune a molte persone. Questo disturbo colpisce principalmente le donne in età fertile o nel periodo della menopausa, ma anche gli uomini.

 

Le cause delle gambe stanche, qui di seguito elencate, sono diverse ma  tutte correlate ad un eccessivo ristagno di liquidi e ad una rallentata circolazione linfatica, detta anche di ritorno o capillare.

1) Causa genetica legata ad una cattiva circolazione capillare;

2) Causa ormonale, che riguarda prettamente le donne: assunzione della pillola anticoncezionale, gravidanza e menpausa;

3) Sovrappeso;

4) Ipertensione;

5) Scarsa attività fisica che può provocare ristagno venoso.


COME PREVENIRE QUESTO DISTURBO?

Ecco alcune accortezze per prevenire questo il disturbo delle gambe stanche:

Lo sport è la prima arma per contrastare questa patologia, è consigliabile effettuare quotidianamente almeno 30 minuti di camminata veloce.  E’ buona abitudine indossare scarpe comode, non indossare spesso jeans stretti, non esporsi al calore diretto ed evitare frequenti saune o docce calde, limitare l’uso del sale, cercare di alzarsi con frequenza se si sta troppo seduti o fare delle pause se si sta molto in piedi.

Sin dalle prime avvisaglie di patologia venosa, le calze a compressione graduata sono essenziali per prevenire l’ evoluzione degenerativa della malattia e tutte le sue complicanze. Se d’ inverno si portano con maggiore facilità, è soprattutto d’ estate che andrebbero indossate regolarmente, visto che le temperature elevate accentuano la sintomatologia. Si tratta di calze dove la massima pressione viene esercitata alla caviglia per poi diminuire man mano che si sale verso la coscia, favorendo la risalita del sangue verso l’ alto. Per scegliere la corretta compressione (espressa in millimetri di mercurio, mmHg), è necessario consultare uno specialista evitando così di acquistare un prodotto non adatto e talvolta anche dannoso per la stessa circolazione.


QUALI SONO I SINTOMI?

I sintomi delle gambe stanche e gonfie sono molto precisi e riconoscibili. Naturalmente sono soggettivi, quindi possono variare ed essere percepiti in modo leggermente diverso da persona a persona. In generale:

– sensazione di avere le gambe dure e rigide soprattutto a livello dei polpacci;

– le caviglie e i piedi si gonfiano, le calze lasciano segni molto marcati e le scarpe usate di solito diventano strette;

– formicolii che possono protrarsi anche per molti minuti;

– sensazione di freddo localizzata e, a volte, anche al tatto;

– dolore, difficoltà a camminare;

– indolenzimento simile a quello che si prova dopo aver allenato intensamente un muscolo, anche se non ci si è sottoposti a nessuno sforzo fisico;

– rigidità delle gambe, delle caviglie e delle dita dei piedi;

– propensione alla rottura dei capillari e alle vene varicose;

– comparsa di teleangectasie, che sono quelle macchie simili a ragnatele rosso-bluastre che compaiono soprattutto sulle cosce, nell’interno coscia e ginocchio e sui polpacci.

Un altro sintomo tipico della stanchezza e del dolore delle gambe è la cosiddetta sindrome delle gambe senza riposo. Consiste nell’avere la continua necessità di muovere le gambe, dondolandole ritmicamente anche quando si è seduti o coricati, per cercare di contrastare il fastidio e la sensazione di rigidità.


CHIEDI AL TUO FARMACISTA LA SOLUZIONE

Drenanti e gel flebotonici sono indispensabili per combattere il problema delle gambe stanche e dolenti, soprattutto durante la fase acuta, cioè quando i sintomi sono invalidanti.

È possibile trarre giovamento anche dall’assunzione di integratori naturali specifici, a base di piante e arricchiti con Vitamina C, utile per la funzione dei vasi sanguigni.Gli integratori più efficaci sono a base di estratti di piante come Mirtillo neroVite rossaRuscoCentellaIppocastanoAnanas; quest’ultimo, ricco di bromelina, aiuta a migliorare la circolazione contrastando  anche la cellulite. Queste piante favoriscono infattiil buon funzionamento del microcircolo e possono quindi contrastare la sensazione di pesantezza alle gambe. I vasoprotettori di origine vegetale si trovano anche in molte creme indicate proprio per combattere il gonfiore alle gambe e il senso di pesantezza. Queste formulazioni hanno l’obiettivo di tonificare le pareti dei capillari, aumentandone la permeabilità e quindi ostacolando la ritenzione idrica. Possono essere conservate in frigorifero in modo che la loro applicazione regali un’immediata sensazione di freschezza e sollievo: queste sostanze favoriscono la circolazione venosa e combattono il ristagno dei liquidi. Vanno applicate con un massaggio partendo dalla caviglia risalendo fino all’interno coscia.


Per prevenire il problema delle gambe stanche e pesanti è importante condurre uno stile di vita sano, che prevede:

– il mantenimento del peso forma;

– un’alimentazione sana, iposodica (con poco sale), ricca di cibi amici della circolazione come i mirtilli, i frutti rossi, le spezie come la curcuma e il peperoncino, le verdure rosse come i peperoni e i pomodori;

– attività fisica quotidiana, basta una passeggiata da 15-20 minuti;

– bere molto, almeno 2-2,5 litri di acqua al giorno, per favorire l’eliminazione del liquidi;

– evitare di esporre le gambe al calore eccessivo, quindi non prendere il sole nelle ore centrali della giornata e non sottoporsi a bagni e docce bollenti.