Spedizioni gratuite con un acquisto di almeno € 60

A casa in 24/48h
Comodo e veloce.
Assistenza
Chat, telefono ed email.
Seguici su

Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email per ricevere in anteprima sconti e promozioni!
Inserisci la tua email per ricevere offerte e promozioni
Cliccando su "Iscriviti" Dichiari di aver letto l'informativa sulla privacy ai sensi del DL n. 196 del 30 giugno 2003.

Parliamo di...

Igiene Orale: prendersi cura dei denti

Colluttori, dentifrici e spray orali
Curare la propria igiene orale è importantissimo per mantenere sani e forti sia i denti che le gengive, di conseguenza è fondamentale ritagliarsi sempre qualche minuto per la pulizia della bocca e soprattutto scegliere con accortezza i prodotti che si andranno a utilizzare.

 

Spazzolino e dentifricio:la "base" per la cura dell'igiene orale

Quando si parla di igiene orale il primo pensiero è rivolto al dentifricio, ed effettivamente questo prodotto rappresenta la base imprescindibile per la cura dei denti e delle gengive.

Come noto il dentifricio è una morbida pasta che va posata sulle setole dello spazzolino prima di strofinarlo con delicatezza sulla dentatura.

Sarebbe davvero un grosso errore credere che tutti i dentifrici siano uguali: in commercio ci sono tantissime diverse tipologie di dentifricio ed è importante orientarsi verso quella più adatta alle proprie esigenze.


Le principali tipologie di dentifricio

Tra le tipologie di dentifricio più comuni possiamo sicuramente menzionare quelli al fluoro, noti per le loro notevoli capacità antibatteriche e per il fatto di prevenire molto efficacemente la carie, i dentifrici antiplacca, prodotti specifici per contrastare gli eccessivi accumuli di placca, sostanza batterica che tende ad accumularsi sui denti costituendo così una minaccia nei confronti della loro condizione, i dentifrici rinforzanti, i quali ottimizzano la forza dello smalto dei denti grazie alla presenza di sostanze quali l'idrossiapatite.

Altri dentifrici piuttosto diffusi sono quelli specifici per contrastare il tartaro, ovvero un insieme di depositi minerali che tendono a depositarsi sul dente e che è pressoché impossibile riuscire ad eliminare con una semplice passata di spazzolino, i dentifrici per denti e gengive sensibili, utilissimi per le persone che hanno denti e gengive oltremodo sensibili all'acidità o alle temperature molto alte o molto basse, e anche i dentifrici sbiancanti, sempre più diffusi.

Tantissime persone, sia uomini che donne, sentono l'esigenza di sfoggiare un sorriso più piacevole, e rendere più bianchi i denti può essere senza dubbio una soluzione preziosa in tale ottica.

Questi dentifrici riescono a garantire tale risultato attraverso una funzioneabrasiva, la quale riesce a rimuovere tutti i depositi che tendono a rendere più opaca la superficie dei denti, come ad esempio quelli dovuti all'abitudine di fumare e di bere bevande che tendono a macchiare la dentatura, come è il caso del caffè.


Collutorio: cos'è e cosa può garantire

I dentifrici non sono i soli prodotti tramite i quali è possibile curare l'igiene dei denti e della bocca nel suo complesso: una soluzione molto interessante per ottimizzare la pulizia orale è ad esempio quella di utilizzare un collutorio.

Come suggerito dagli esperti, il modo ideale di utilizzare il collutorio è quello di affiancarlo all'igiene orale tradizionale, ovvero a quella effettuata tramite il lavaggio dei denti con spazzolino e dentifricio.

La principale azione che un collutorio è in grado di garantire è di natura prettamente antibatterica, e il modo corretto di utilizzare questo prodotto dalla consistenza liquida è quello di effettuare alcuni risciacqui subito dopo aver lavato i denti, evitando l'ingestione.

Tra i migliori collutori si segnalano quelli privi di alcol, o comunque contenenti quantità moderate di tale sostanza; un elemento sempre molto positivo per la pulizia dei denti è invece il fluoro, il quale ricorre piuttosto spesso in questo genere di prodotti.


Spray orale: in quali casi è indicato

Un ulteriore prodotto che merita grande considerazione se si vuol curare la propria igiene orale nel miglior modo possibile è inoltre lo spray orale, il quale è appunto uno spray che va indirizzato verso la parte interna della bocca.

Questi prodotti offrono un'azione antibatterica molto interessante e sanno rivelarsi molto preziosi contro tartaro placca.

Lo spray orale non può sostituirsi in modo definitivo al tradizionale lavaggio dei denti con spazzolino e dentifricio, ma può essere una soluzione interessante nel caso in cui si sia impossibilitati, in un determinato momento della giornata, a procedere al lavaggio canonico.

L'utilizzo dello spray orale è molto consigliato a chi indossa un apparecchio ortodontico, soprattutto nel caso in cui a seguito di un pasto non si abbia la possibilità di lavare i denti.

L'apparecchio ortodontico tende infatti a trattenere dei residui di cibo, e l'utilizzo dello spray orale può essere utile per contrastare le proliferazioni batteriche e le fermentazioni di questi residui.


Come curare al meglio la propria igiene orale

Sono questi, dunque, i prodotti principali da tenere sempre in considerazione se si vuol curare la propria igiene orale nel miglior modo possibile.

Come visto, il lavaggio dei denti effettuato con spazzolino e dentifricio è da considerarsi in tutti i casi fondamentale e non può essere soppiantato da soluzioni di altro tipo, se non ovviamente laddove si sia impossibilitati ad utilizzare un bagno per il lavaggio tradizionale.

Sia i collutori che gli spray orali possono essere delle ottime soluzioni di complemento alla cura dell'igiene orale effettuata con dentifricio e spazzolino, ed è sempre utile sottolineare che il lavaggio dei denti deve essere sempre effettuato dopo i pasti principali della giornata, quindi dopo il pranzo e dopo la cena.

L'ideale è procedere al lavaggio dei denti 2-3 volte al giorno, spazzolando bene anche la parte interna della dentatura e utilizzando spazzolini e dentifrici adatti alle proprie esigenze.

Lavare i denti troppe volte al giorno non è positivo: effettuando eccessivi lavaggi vi è infatti il concreto rischio che si possa danneggiare il naturale smalto della dentatura, alla luce di questo dunque è preferibile limitarsi a lavare i denti con accuratezza subito dopo i pasti, senza temporeggiare.